bimbo e asilo nido

Bimbi e asilo nido: come superare la fase dell’inserimento

Per il bimbo che affronta questa nuova esperienza, quella di andare all’asilo nido, si tratta di un vero e proprio inserimento in un ambiente totalmente nuovo ed estraneo a lui.

Sia il piccolo che la mamma possono avvertire un senso di disagio nel non saper come affrontare questa novità. Se si è attenti a non trascurare quelle cose che possono alleggerire il momento di passaggio, tutto filerà liscio e anzi per il bimbo sarà un momento di esplorazione e di nuove esperienze.

Ad esempio, se il bambino è legato ad un gioco, come potrebbe essere un orsetto, una copertina (quella di Linus!), lasciate che porti questi oggetti con sé. Serviranno a dargli sicurezza.

Il pupazzo preferito, il gioco favorito, il libro delle figure o qualsiasi altro oggetto possono rivelarsi dei veri e propri amuleti con una funzione confortante, che in psicologia prende il nome di oggetto transizionale. Questo ‘alleato’ speciale aiuta il bimbo a vivere con maggiore serenità la nuova esperienza del nido.

Se, ad esempio, il bimbo dorme sempre stringendo un sonaglino, un orsetto, una bambolina, cercherà questi oggetti anche nel nuovo ambiente. E’ indispensabile, nel corso della prima fase, nel colloquio conoscitivo, far presente tutto questo all’educatrice di riferimento del bimbo.

E’ utile e rassicurante anche concedere il succhiotto per chi ancora ne fa uso. La suzione, per i piccoli fino ai 18 mesi, significa mantenere un legame con la mamma, ed è un’esigenza molto forte.

Tutti gli oggetti, come anche gli indumenti del piccolo, potranno essere riconoscibili da dalle etichette per asilo nido, che consentono di non perdere ciò che appartiene al bimbo.

L’ingresso al nido rappresenta già di per sé un enorme cambiamento, quindi non è il caso di aggiungere altre novità  come togliere il ciuccio o il pannolino oppure cambiare lettino. Ogni cosa ha un suo tempo e durante questa fase della vita il piccolo andrebbe lasciato tranquillo

Rassicura il tuo bambino che la mamma torna. Sembra ridondante, ma non lo è affatto. Durante la prima settimana è molto importante ribadire che non stai lasciando il bambino in asilo nido, ma che presto tornerai a prenderlo.

Anche dopo, quando sembrerà tutto sistemato, il richiamo al ritorno resta importante per rassicurare il piccolo.

Inoltre è bene ricordare che a volte alcuni bambini si rivelano ostili al distacco proprio quando sembra superata la fase più delicata.

Per accettare meglio il fatto che tutti i giorni il bimbo deve andare al nido, è utile al bimbo identificare un adulto come suo punto di riferimento. La mamma può tranquillizzare il bimbo spiegandogli che la sua educatrice penserà a lui in sua assenza. A parte ciò, non si devono enfatizzare la separazione e il riavvicinamento, si deve restare sempre emotivamente calmi.

La calma passa anche attraverso la relazione con le persone cui ci stiamo affidando, ma che non si conoscono ancora. Questo non è affatto facile, visti i tempi…Sia la mamma che il bambino devono avere il tempo di entrare in confidenza con le educatrici e l’ambiente. E’ fondamentale sviluppare un senso di fiducia verso la struttura e questo si costruisce solo nel tempo. Il periodo dell’inserimento offre l’opportunità di preparare a questo tipo di rapporto.

I genitori devono potersi fidare e affidare totalmente al personale del nido.

ADD YOUR COMMENT